ACCERTAMENTO E CONTROLLI

Minusvalenze e black list, omissioni assimilate: ipotesi delineata in un question time In sede di risposta ad un’interrogazione parlamentare del 17 novembre (n.5-03814) – con la quale è stato sollevato il problema dell’indeducibilità delle minusvalenze derivanti dalla negoziazione di partecipazioni in soggetti quotati, qualora non sia inviata apposita comunicazione (o in caso di comunicazione incompleta o infedele) – è stata ipotizzata la possibilità di assimilare la sanzione per l’omesso invio delle comunicazioni relative alle minusvalenze a quella prevista per la mancata indicazione dei costi black list: ciò comporterebbe, pertanto, il passaggio dall’indeducibilità dei relativi componenti negativi al concetto di violazione formale.