IMPOSTA SOSTITUTIVA – CONTRIBUENTI MINIMI

Ambito soggettivo ed oggettivo (circ. Agenzia delle Entrate 28.1.2008 n. 7) di Morina e Ricca

L’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in ordine al regime dei contribuenti minimi (art. 1 co. 96-117 della L. 244/2007), precisando, tra l’altro, che:

– l’emissione di fatture con l’addebito dell’IVA non pregiudica l’accesso al regime dei minimi, a condizione che il contribuente emetta apposita nota di variazione e non abbia ancora esercitato il diritto alla detrazione dell’imposta e provveduto alle liquidazioni periodiche del tributo;

– le ritenute subite dai contribuenti minimi, in eccesso rispetto all’ammontare dovuto dell’imposta sostitutiva, oltre ad essere utilizzate in compensazione, possono essere chieste a rimborso tramite indicazione nel quadro RX del modello UNICO;

– l’istituzione e la tenuta dei registri IVA non sono indicativi della volontà di applicare il regime ordinario, posto che l’esonero dall’obbligo di istituzione e tenuta non esclude che i contribuenti minimi possano decidere di tenere comunque tali registri per finalità amministrative proprie ed ulteriori rispetto all’adempimento degli obblighi fiscali;

– sia ai fini della verifica dei requisiti per l’accesso al regime, sia ai fini della determinazione del reddito, i beni ad uso promiscuo rilevano per il 50% del corrispettivo di acquisto.

Fonte: Sole24ore, pag. 29 del 29/01/2008; Italia Oggi, pag. 36, del 29/01/2008 


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.campagnolaadvisers.it/home/wp-content/themes/campagnola_adv/single.php on line 66